Menu

Il tesoro di Alarico è lì. Che gli scavi comincino

Mario Pagano e Mario Occhiuto firmano la convenzione per gli scavi Mario Pagano e Mario Occhiuto firmano la convenzione per gli scavi

Parte nel cuore della città la prima campagna ufficiale di lavori per risolvere uno dei più affascinanti enigmi dell'archeologia. Cosenza e il Tesoro di Alarico, ieri, venerdì 14 ottobre 2016, sul settimanale Sette del Corriere della Sera (scarica pagina...). Una storia straordinaria che porta la città sempre alla ribalta nazionale e internazionale. Adesso anche la Soprintendenza e il Ministero dei Beni Culturali ci credono, e finalmente sposano l'idea dell'Amministrazione Comunale. Al via quindi il concreto avvio di una campagna di scavi archeologici inizialmente già in quattro siti dove esistono e si intrecciano indizi storici e geografici sul possibile ritrovamento della tomba. Il Tesoro di Alarico è lì. Che gli scavi comincino. Noi lo troveremo. 

Firmata la convenzione tra il Comune di Cosenza e la Soprintendenza. Nelle prossime settimane si lavorerà per cercare il lascito del re dei Visigoti, morto nella città dei Bruzi nel 410 d.C.Questa volta si inizia davvero. E non ci saranno stop da parte della Soprintendenza, perché il ministero dei Beni culturali parteciperà attivamente alla ricerca della tomba di Alarico. La svolta è arrivata nelle scorse settimane: negli uffici che si occupano di archeologia, belle arti e paesaggio sono cambiati i vertici e parte dei dirigenti. Ed è stata risolta anche quella che il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto definisce l'«incomprensione» che aveva causato il blocco della macchina avviata dal Comune a caccia della leggenda. Tutto pronto o quasi. 

Cosa succede adesso? Partirà un programma di attività di ricerca: ricognizioni sul terreno, rilievi, catalogazione, indagini diagnostiche, monitoraggio e restauro dei beni archeologici, saggi di scavo, attività didattico-educative e divulgative, pubblicazioni e mostre anche multimediali sui beni archeologici mobili e immobili presenti nel territorio comunale di Cosenza. Il contenuto della convenzione siglata il 26 settembre dal soprintendente Mario Pagano e dal sindaco è vasto. Ma «anche» finalizzato «alla ricostruzione del contesto storico, archeologico, paleogeologico e topografico nel quale si colloca anche il celeberrimo episodio della morte e sepoltura di Alarico, re dei Visigoti, nel letto del Busento, che sarà oggetto di particolare attenzione».

Si scava, dunque, non soltanto per "inseguire" il re dei Goti anche se è chiaro che il brand Alarico è quello che, nelle intenzioni dell'amministrazione comunale, dovrà trainare il progetto. Sono questioni che fondono ricerca e marketing, sulle quali la città si è già divisa. Le pagine dell'accordo siglato tra Pagano e Occhiuto spiegano che nascerà un comitato tecnico-scientifico composto dal soprintendente e dai funzionari Emilio Minasi e Giovanna Verbicaro per il ministero, mentre il Comune nominerà i suoi esperti entro la fine di ottobre.

Comune e Soprintendenza si «impegnano a ricercare fonti di finanziamento, sponsorizzazioni ed erogazioni liberali», anche utilizzando lo strumento dell'Art Bonus, strumento pensato dal governo che introduce un credito d'imposta per le donazioni in denaro a sostegno della cultura. Mecenate cercasi, dunque, per andare alla ricerca del leggendario tesoro dei barbari. La convenzione segnala anche i siti nei quali avrà inizio l'indagine. Sono la Confluenza Crati-Busento, l'area del Ponte degli Alimena a Mendicino, il torrente Iassa tra Cosenza e Dipignano e la grotta Lippusa di Domanico. Il perimetro, per quanto vasto, è stato individuato, la direzione scientifica spetta alla Soprintendenza e potranno partecipare anche associazioni di volontariato riconosciute dal Mibact.

Si parte, dunque. Ma non è stato facile. Quasi un anno fa, nel novembre 2015, pareva che le porte degli scavi si fossero chiuse. Secondo la Soprintendenza, la campagna di scavi lungo il fiume Busento non era mai stata autorizzata. Gli uffici erano intervenuti dopo una denuncia. Occhiuto spiegò che, in realtà, il Comune non aveva iniziato alcuno scavo (è questa l'«incomprensione» a cui fa riferimento il sindaco), ma tra Crati e Busento non arrivò alcun mezzo meccanico. Arrivarono, invece, le polemiche. Tra tutti, il più duro fu l'archeologo Battista Sangineto: «Si spendono soldi per una leggenda quando il centro storico cade a pezzi. Alarico, poi? Sterminò centinaia di cosentini, non può essere il riferimento culturale e identitario di un progetto museale (il museo è pensato al posto dell'orrido Hotel Jolly, a due passi dalla confluenza, ndr) che attragga il turismo culturale». Un altro archeologo, il soprintendente Pagano, mette nero su bianco che il condottiero dei Goti sarà oggetto «di particolare attenzione». E Mario Occhiuto porta a casa un endorsement importante per il "suo" brand.

 

 

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark back to top

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali collegamenti, posti all’interno del Blog stesso, forniti come semplice servizio a coloro che visitano il Blog.
Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse qui contenute.

Associazione Le Botteghe di Alarico - Codice Fiscale: 98080170784 - Copyright 2016 - Tutti i diritti riservati

Politica dei Cookie| Note Legali |Web Mail | Mappa del Sito                                                                                                                                                 Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione